MALI D’AUTUNNO

Adoro l’autunno, la luce dorata dei suoi tramonti, i colori caldi della natura, le temperature meno calde, i suoi frutti ed il fatto che è il preludio all’inverno che è la mia stagione preferita. Ma come tutte le stagioni anche l’autunno ha i suoi lati negativi ed uno di questi è rappresentato senza dubbio dai primi “malanni” che poi ahimè ci accompagneranno per tutto l’inverno e che in questo periodo cominciano a farsi sentire.

Ogni volta che si parla di malattie io ricordo sempre che tutti i consigli e/o rimedi “fai da te” che potete trovare sui vari blog e siti sono ottimi fintanto che si parla di PREVENZIONE o comunque di disturbi lievi e facilmente identificabili in patologie comuni e che si attenuano nell’arco di pochi giorni. Per tutti quei disturbi che invece sono dubbi e che comunque persistono  o provocano malessere acuto vi esorto a rivolgervi senza indugi al vostro medico, il quale ha la necessaria competenza a curarvi in modo giusto.

Detto questo, spero di potervi essere utile con alcuni rimedi naturali ai più comuni acciacchi caratteristici di questa bella stagione.

Partiamo da una cosa semplice ma molto diffusa, la caduta dei capelli. Come senz’altro tutti sapete, ognuno di noi perde fino a 100 capelli al giorno in condizioni fisiche normali e questo rappresenta il normale ricambio. Nei cambi di stagione, e soprattutto in autunno, si tende a vedere aumentare la quantità di capelli che cadono, e questo non deve allarmarci a meno che non sia associato ad altri aspetti quali prurito e dolore al cuoio capelluto ed evidente diradamento dei capelli, in questo caso è bene rivolgersi ad un dermatologo che potrà sottoporvi ad alcuni test tricologici per individuare le cause del vostro problema.
Se siamo nell’ambito sopradescritto del normale ricambio, ci sono alcuni accorgimenti che potete utilizzare per diminuire o arrestare la caduta dei capelli, possiamo agire dall’interno assumendo integratori alimentari a base di vitamine del gruppo B ed E, e di sali minerali tra cui zinco, rame e ferro, in modo da accelerare la fese di ricrescita successiva. Anche l’alimentazione deve essere mirata in questo senso, privilegiando frutta (anche secca, soprattutto noci, mandorle e nocciole) e verdura (prezzemolo, carote, spinaci e altre verdure a foglia verde e pomodori), semi (di zucca, di girasole) pesce (soprattutto azzurro e pesci dei mari del nord come il salmone, ricchi di Omega3 ma anche frutti di mare e molluschi), latticini, legumi e uova. Infine frizioni sul cuoio capelluto con decotti a base di erbe (di timo e lavanda, ad esempio) ed impacchi (a base di semi di lino, olio di oliva, avocado ed aloe vera) possono stimolare la circolazione e rivitalizzare i follicoli. A questo proposito, vi indico la ricetta di un ottimo decotto al rosmarino, da utilizzare dopo lo shampoo, proprio con l’obiettivo di rinforzare il cuoio capelluto ed evitare la perdita di capelli.

OCCORRENTE:  Un recipiente di acqua quasi bollente e tre manciate di aghi di rosmarino.
PROCEDIMENTO: Fate bollire l’acqua miscelata con gli aghi di rosmarino e poi lasciate riposare la lozione ottenuta per almeno 15 minuti. Filtrate il contenuto dell’acqua per eliminare gli aghi e, dopo lo shampoo, passate la lozione sul cuoio capelluto e massaggiate. Lasciate in posa per 15 minuti e poi risciacquate.

Rosmarino benefico per i capelli deboli (fonte Internet)

Veniamo adesso ai raffreddori e a tutte le malattie caratteristiche delle vie respiratorie, dovuti ai frequenti sbalzi di temperatura classici dell’autunno. Per prevenirli cercate innanzitutto di capire qual è la temperatura esterna prima di vestirvi, utilissime sono le piccole stazioni meteorologiche domestiche che sono in commercio. costano poco, sono facilmente installabili e vi forniscono dati che vi permettono di vestirvi in maniera adeguata ed evitare quindi eccessive sudate o colpi di freddo che sono la causa principale dei raffreddori di stagione. Portate comunque sempre con voi in borsa una morbida sciarpina o pashmina in modo da ripararvi la gola se si alza il vento o sentite freddo. Lavatevi frequentemente le mani per prevenire i contagi da virus influenzali. Mangiate molta frutta e verdura fresche o succhi e centrifugati, prediligendo tutto ciò che è ricco di vitamina C, la migliore alleata contro raffreddori ed influenze (la tabella sotto vi può essere utile). Bevete molta acqua per favorire l’espulsione continua delle tossine. Arieggiate frequentemente la casa ed evitate comunque sbalzi termici, come quando per esempio uscite dalla doccia. Assumete se potete l’echinacea (la trovate in erboristeria) in capsule o decotti, perchè rafforza il sistema immunitario.

Tabella vitamina C (fonte internet)

Se nonostante tutto avete la sfortuna di ammalarvi comunque, eccovi alcuni consigli per alleviare i sintomi di raffreddore e influenza:
– lo zenzero è un energizzante naturale in grado di rimettere in moto l’organismo dopo le malattie da raffreddamento e un alleato contro i dolori muscolari tipici dell’influenza e l’affaticamento. Si può assumere, ad esempio, sotto forma di infuso: preparare un infuso allo zenzero per prevenire il raffreddore è molto semplice, sarà sufficiente mettere un cucchiaio di tè, un paio di chiodi di garofano, un po’ di cannella e un po’ di zenzero grattugiato in una tazza di acqua bollente e lasciare in infusione per qualche minuto.
– il miele aiuta a calmare il mal di gola e la tosse secca, si può assumere puro in cucchiai o sciolto in latte caldo o camomilla per combinare la sua azione emolliente con il calore delle bevande.
– i suffumigi con erbe e oli essenziali sono fra i più antichi rimedi naturali per influenza e raffreddore: si preparano facendo bollire dell’acqua, versandola in un contenitore e posizionandovi sopra il viso coperto da un panno in modo da respirarne il vapore acqueo, che fluidifica il muco in eccesso liberando così le vie respiratorie. All’acqua vanno aggiunti olii essenziali quali timo, tea tree o eucalipto dalle proprietà balsamiche, bicarbonato o camomilla dalle proprietà lenitive.
– le tisane sono un ottimo aiuto contro le malattie da raffreddamento, le migliori sono quelle alla cannella, all’echinacea, alla melissa, alla rosa canina, al tiglio, alla salvia ed eucalipto e alla camomilla e limone. Eccovene una particolare ma eccezionale, la tisana con zenzero, limone e miele: procuratevi una radice di zenzero e un limone biologico, sbucciate tre centimetri di radice di zenzero, tagliatela a fette sottili e sistematela in un pentolino insieme alla buccia grattugiata del limone. Aggiungete circa 300 millilitri di acqua e portate a bollore. Lasciate bollire per circa quindici minuti, dopodiché togliete dal fuoco e fate raffreddare. Quando il decotto sarà tiepido, filtrate e unite il succo di limone spremuto e un cucchiaio di miele. Consumate una o due tazze al giorno di questa tisana per prevenire o alleviare i sintomi influenzali.

Tisana zenzero, limone e miele (fonte Internet)

Infine un ottimo rimedio della nonna per tosse e raffreddore è l’impacco caldo sul petto, che aiuta a fluidificare il muco: utilizzate un panno morbido a cui potete aggiungere alcune gocce di olio di eucalipto per un’azione balsamica e decongestionante.

Con la ripresa del lavoro e dello studio molti in autunno soffrono anche di frequenti mal di testa, e anche la cervicale in questo periodo si fa sentire più del solito per gli sbalzi termici e la riassunzione di determinate posture. Per difendersi è importantissimo fare regolare attività fisica e tenere sotto controllo la postura, anche facendo piccole pause lavorative per muoversi e cercando di variare la propria posizione quando trascorrete tante ore alla scrivania. Importante è scegliere una corretta e sana alimentazione a base di tanta frutta e verdura e ricordarsi di bere con frequenza. Fra i rimedi naturali più diffusi in caso di mal di testa vi consiglio l’infuso di salice o di artiglio del diavolo, che si prepara con due cucchiai rasi delle radici della pianta in mezzo litro di acqua fredda, si fa bollire l’acqua piano piano per 20 minuti, poi si filtra bene col colino, e si dolcifica col miele.
In caso di dolori cervicali io uso da tempo un cuscinetto di tessuto con all’interno i noccioli di ciliegia, si trova facilmente in commercio, si fa scaldare con il forno a microonde e, oltre ad emanare un gradevole e rilassante profumo, una volta posizionato sulla parte tesa e dolorante aiuta a sciogliere la tensione muscolare che è causa di moltissimi attacchi di mal di testa. Infine contro il mal di testa da stress inutile dire che è importante ricavarsi piccoli spazi durante la giornata da dedicare al relax, per dare modo al vostro organismo di mantenere il proprio equilibrio psico-fisico e affrontare al meglio i possibili malanni autunnali.

Cuscino con noccioli di ciliegia (Amazon)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Con l’arrivo della stagione fredda e umida un altro fastidio ricorrente sono i dolori reumatici, che si manifestano alle ossa ed alle articolazioni, con conseguente indolenzimento anche dei muscoli e spossatezza generale. Anche in questo caso è molto importanet depurare il più possibile l’organismo da tossine in eccesso bevendo molto, un ottimo rimedio è rappresentato dall’infuso di bardana, che si prepara mettendo in infusione per 10 minuti in una tazza d’acqua calda un cucchiaino di foglie di bardana. Lasciate intiepidire, filtrate e bevete 2 volte al giorno lontano dai pasti dolcificando con miele preferibilmente di tarassaco. Fra gli altri rimedi naturali, la spirea in infuso cura i dolori osteoarticolari, mentre la valeriana calma i dolori muscolari e l’equiseto aiuta contro il mal di schiena. La consolida maggiore calma la sciatica e la cervicale e si usa sotto forma di impacco realizzato facendo bollire in mezzo litro di acqua per 10 minuti 15 g di radice di consolida tritata. Impastate la radice con un cucchiaio di olio extravergine di oliva, e applicate il tutto sopra una garza di cotone doppia. Coprite con una pezzuola di cotone e posizionate finchè è calda sulla zona da trattare.

Consolida maggiore (fonte internet)

Mi auguro che questo articolo possa esservi di aiuto anche se con il cuore spero proprio di no per voi! Se avete altri rimedi e/o consigli da suggerire i vostri commenti saranno graditissimi come sempre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: